Pagine

sabato 27 gennaio 2018

I miei Mini Lemon and Blackcurrant Puddings per il Club del 27







MARMALADE: A BITTERSWEET COOKBOOK


Dall'arrivo delle prime scatole di arance amare di Siviglia al fruttivendolo in Gennaio al profumo dolce degli agrumi che riempie la cucina mentre la casseruola bolle sul fornello, c'è qualcosa di profondamente gratificante nel rituale annuale di preparare la marmellata e riempire le mensole della dispensa con i vasetti ordinatamente etichettati di scintillanti conserve.      

Una volta perfezionato il set e bilanciato il sapore agrodolce nella tradizionale marmellata di arance, potresti provare con diversi tipi di frutta oppure provare ad aggiungere alcool, essenze, spezie - cardamomo, zenzero, un tocco di bergamotto - ma dopo, cosa fare con tutti quei vasetti di agrumata perfezione? Un barattolo o due per amici e parenti, un altro per la colazione ... e poi? E' ora di iniziare ad utilizzarli per cucinare.      
Dal prosciuttto di Natale al trifle di rabarbaro e marmellata, dai fondenti al cioccolato con arancia amara alle margherite di marmellata, ecco l'ispirazione di cui hai bisogno per ottenere il meglio dalle marmellate durante tutto l'anno. 


Così scrive Sarah Randell e per il nuovo anno e il nuovo corso del Club del 27 passiamo in rivista alcune ricette di questo libro così interessante. Avere la possibilità di preparare le nostre marmellate con indicazioni precise e poterle poi utilizzare in preparazioni diverse è sicuramente un incentivo a dedicarci con più passione alla nostra casa offrendo a chi amiamo prodotti lavorati con amore. 
Sono state tratte dal libro alcune ricette di marmellata e del loro utilizzo in alcune preparazioni. C'è veramente l'imbarazzo della scelta e il limone, mio agrume preferito, è l'ingrediente della marmellata che ho riprodotto






 LEMON SUNSHINE MARMALADE

1 piccola mela ca. 200 g
1,4 kg di limoni (ca. 11-12)
2 kg di zucchero semolato
1 cucchiaino di bicarbonato

Pelare e togliere il rosolo alla mela mettendo gli scarti su una garza doppia. Tagliare la mela a dadini e trasferirli in una padella con 4 cucchiai di acqua. Cuocere a fuoco lento, parzialmente coperto, per 10-15 minuti fino a quando non sarà morbida, mescolare di tanto in tanto e aggiungere acqua se necessario.

Nel frattempo tagliare i limoni a metà e spremerli raccogliendo il succo in un contenitore graduato, eliminare i noccioli e aggiungere un po’ di polpa al succo spremuto.
Tagliare le bucce di limone in quarti (eliminare prima le estremità) e sminuzzare la scorza mantenendo la parte bianca interna e metterla in una ciotola capiente. Aggiungere acqua al succo fino ad ottenere 1,5 l di liquidi e mettere nella ciotola con la scorza.
Unire le 4 estremità della garza formando un sacchettino, 
stringere e legare con lo spago mantenendo un’estremità abbastanza lunga da poterla tenere all’esterno della pentola. Mettere anche il sacchettino nella ciotola e sommergerlo con il liquido. Coprire e lasciar riposare tutta la notte. 
Mettere la mela cotta in un’altra ciotola e lasciar raffreddare coperta.
Il giorno seguente versare il tutto in una pentola, compresa la mela cotta, tirare il sacchettino di garza a lato e portare ad ebollizione ridurre poi la fiamma e cuocere a fuoco lento per 30-45 minuti mescolando di tanto in tanto. A questo punto rimuovere il sacchettino spremendolo bene cercando di estrarre più pectina possibile e aggiungere lo zucchero – la marmellata sembrerà molto liquida ma continuare la cottura fino a quando lo zucchero non sarà completamente sciolto. Togliere dal fuoco e aggiungere il bicarbonato poi portare nuovamente sul fuoco (attenzione che inizialmente bollirà in modo vigoroso).
Aumentare il calore e far sobbollire per 20-25 minuti. Lasciar riposare 15 minuti poi trasferire in barattoli sterilizzati, chiudere e lasciar raffreddare completamente.


 MINI LEMON AND BLACKCURRANT PUDDINGS


Ingredienti per 4 persone
4 cucchiai di marmellata di limoni
75 g di burro morbido più extra per ungere
75 g di farina
2 cucchiai di lievito
2 uova medie
75 g di zucchero muscovado
100 g di ribes neri surgelati (se surgelati manterranno la loro forma in cottura) io ho usato mirtilli che avevo congelato questa estate per avere una scorta

Preriscaldare il forno a 180° statico – 160° ventilato – gas 4.
Ungere generosamente 4 stampini antiaderenti da 150 ml con il burro e rivestire la base con un cerchio di carta forno tagliato a misura, ungere anch’esso.
Dividere la marmellata allungata con 1 o 2 cucchiai di acqua bollente (dipende dalla consistenza della marmellata) negli stampi.
In una ciotola mescolare il burro, la farina, il lievito, le uova e lo zucchero con una frusta elettrica fino ad ottenere un impasto morbido. Unire i ribes (o i mirtilli) mescolando delicatamente e suddividere l’impasto negli stampi. Posizionare gli stampi su una teglia e infornare i budini per 20 minuti (dovranno dorarsi e lievitare).
Una volta sfornati far intiepidire per 5 minuti poi utilizzare un coltello per staccare i bordi dallo stampo e sformare su un piatto rimuovendo la carta forno.
Servire con gelato alla vaniglia. 


Ringraziamenti: a Chiara Picoco ChicchediKika e Flaminia Luccarelli per le traduzioni dall'inglese. 


        



8 commenti:

  1. Questi mini puddings sono irresistibili e deliziosi. Complimenti e buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Milena e buon fine settimana anche a te

      Elimina
  2. Deliziosi e irresistibili.
    Complimenti :)

    RispondiElimina
  3. Questa ricetta mi tenta un casino. Io ho fatto la crostata ma anche questi dolcetti devono essere molto buoni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A noi sono piaciuti moltissimo ... provali e ne sarai soddisfatta

      Elimina
  4. Penso proprio che questa sarà una delle mie prossime ricette...complimenti... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Antonella, ti piaceranno :-)

      Elimina

Grazie di cuore per il tempo che avete dedicato al mio blog.